The Chairs program offers sixty shortcuts movements processes to restore posture and activate anti gravity vitality not only for people who have difficulty getting down to, and up from, the floor but Also for everyone who is sitting long hours. And feel a need to refresh their liveliness.

Ruthy Alon
Founder of Movement Intelligence
www.movementintelligence.com

Notes from Katarina Halm

Katarina Halm – Movement Intelligence & Focusing

With the year 2016 I celebrated ten years teaching as a certified practitioner of the Feldenkrais® Method of Somatic Education.

We offer a certification track for those who wish to become certified in any or all of the five modalities of the Movement Intelligence Programme as developed by Feldenkrais® teacher Ruthy Alon: Bones for Life®, Chairs, Walk for Life, Mindful Eating, and Solutions for Optimal Mobility. Please see see Ruthy’s site for a beautiful informative description.

Chairs & Movement Intelligence

from Fixation to Mobility

From fixation to liveliness

From Fixation to Liveliness

Parallel to the basic Bones for Life program, the umbrella of the “Movement Intelligence” offers another process designed especially for the characteristic cultural phenomena of sitting on chairs.

The Chairs program is offered not only for people who have difficulty to go down and get up from sitting on a chair, but also for people who are sitting long hours in work or in leisure and feel a need, from time to time, to refresh their body, without devoting too much time or special conditions for it.

The Chair, fixed at the half way from standing to sitting on the floor, sparing us of the effort to take on the more difficult half way from the seat to the floor. But then, it tends to make us forget how to go down or up, even the easy half way from the chair’s level to standing. This is the nature of the organic logic: if we don’t use our full potential, even the limited part we do becomes difficult.

The chairs program offers especially short processes, which can transform the sitting on the chair from its degenerative fixation into an opportunity to restore the harmonious coordination of movement. In sitting too, it is possible to navigate the transmission of force, coming from the impact of feet stepping on the ground, throughout the skeleton in an effective streamlined trajectory, and carry out movements that are loaded with dynamic power, which increase the withstanding of the bone against collapse, aligning the axis of posture and strengthen it.

Shortcut to Upright Sitting

A short cut process to refresh spontaneous upright sitting:

  • Sit on your chair, without leaning back, and assess your comfort level.
  • Cross your ankles, and push your feet into the floor. Attach your knees tightly to each other.
    Recognize that your axis becomes loaded with an elevating force. Repeat this several times, then rest. Uncross your ankles, and feel if there is some change in your sitting
  • Place your fists on the seat of your chair, behind you. Gradually apply pressure from your fists to the chair seat. Acknowledge the lift of your upper body. Repeat this several times, and rest.  Notice if there is a further difference in the way your body is sitting.
  • Now activate both feet (ankles crossed,) and fists, pushing all of them down simultaneously.
    Don’t forget to tighten your knees to each other, to centralize the elevating force that rises up through your midline.

    Repeat this several times, and rest. Feel how your body now chooses to sit on its own.

    Creating an improved position is not enough. For your organism to accept the change, it needs to be convinced it can move within this organization. The movement can reenforcing the position, energy re-establishes the structure in which it was operating. So let’s add movement to the new change.

  • Once again push both feet and fists down, while your knees tighten to each other and your torso lifts.
    As you maintain this arrangement, begin bouncing on your seat bottom with light, quick, rhythmic taps. When you have had enough, let go and rest.
  • Feel the entire Gestalt pattern that is now cast upon you. What message is conveyed by this new body language of sitting? Notice for how long your body is willing to maintain its newly acquired spontaneous uprightness.
Notes from Katarina

‘Movement Intelligence’ with Katarina Halm & Cate Thomas 2018

“When moving as nature intended –
harmoniously coordinated and intelligently coping with gravity –
we not only strengthen our bones, we also embody a sense of dignity, confidence & joy that I call biological optimism.”   – Ruthy Alon

Experience your very own biological optimism!

Ruthy Alon’s Movement Intelligence *Chairs*

* The Chairs programme is comprised of 60  ‘Processes’: click for Titles in English and Titles in Italian.

Click for the Italian notes and a rendition of this page!..

“L’intelligenza del movimento e il programma Chairs (Sedie),” con Katarina Halm e docenti ospiti, aprile-dicembre 2014

Sperimentate il vostro ottimismo biologico! Vi invitiamo a seguire le nostre lezioni presso il nostro centro a Vancouver o in video tramite Skype!

Mi chiamo Katarina, insegno il metodo Feldenkrais® dopo aver completato il corso di formazione con Jeff Haller nel 2006 e conduco il programma di movimento Bones for Life® (BFL, Ossa per la Vita) dopo essermi diplomata con Ruthy Alon nel 2003. Ho continuato ad affinare le mie tecniche seguendo un corso di studi avanzati con Anna Haltrecht e ora vorrei condividere con voi il programma Movement Intelligence *Chairs* (Intelligenza del Movimento *Sedie*) sviluppato da Ruthy Alon. Il programma prevede 60 “Processi” da eseguirsi con l’ausilio di una sedia: cliccate sui Titoli di ogni processo in inglese o in italiano. 

* Cliccate sugli appunti in italiano.

Per il programma che si terrà da aprile a dicembre del 2014 potremmo aver la fortuna di essere assistiti da altri docenti. Collegatevi regolarmente a questa pagina per ulteriori aggiornamenti…

Seguiteci per un’unica seduta o per un ciclo di 34 incontri a cadenza settimanale per un’introduzione al programma BFL Chairs.  Oppure participate ad alcune lezioni previo accordo.
Scegliete fra questi tre giorni della settimana:

SEDUTE SETTIMANALI nella nostra sede di Vancouver (nel British Columbia)
“Thinking in Movement” con Feldenkrais®, Bones for Life® e Tai Chi,
con l’inclusione del corso   ‘Movement Intelligence Chairs’,

lunedì e giovedì pomeriggio, dalle 14.00 alle 15.00 (ora del Pacifico).

LEZIONI VIDEO TRAMITE SKYPE  

“Thinking in Movement” con Feldenkrais® e Bones for Life®

 per il corso ‘Movement Intelligence Chairs’

dal 15 aprile al 2 dicembre 2014

martedì dalle 13.00 alle 14.00 (ora del Pacifico)

TARIFFE
Per le sedute a Vancouver o per le lezioni video tramite Skype:
I primi due incontri sono gratuiti
Tutte le lezioni durante il mese di maggio sono gratuite per celebrare  la Settimana Internazionale del Metodo Feldenkrais® e le Giornate di Dunbar Salmonberry!
$10 per ogni lezione, previo accordo
$75 per 10 lezioni prepagate
$150 per un ciclo di 30 lezioni prepagate da aprile a dicembre 2014
Se portate un amico o un’amica la quota per la seconda persona è dimezzata rispetto alla tariffa normale. Nota: la tariffa è eccezionalmente ridotta quest’anno per consentire a coloro che non hanno familiarità con il programma ‘Movement Intelligence Chairs’, il metodo Feldenkrais®, le tecniche di Bones for Life®, o il Tai Chi di farsi un’idea di queste pratiche, contribuendo a renderle note e godibili a un pubblico più allargato.

I pagamenti possono essere effettuati in contanti, tramite assegno o con PayPal a: studio@happybones.ca

Prima di cominciare, godetevi per favore la descrizione del corso “Walk for Life”* (Camminata per la Vita; qui sotto), che Ruthy Alon ha creato prendendo spunto dal programma Bones for Life®.

 

 Katarina Halm – Feldenkrais® & Focusing

KatarinaDSCN0198

Before we begin, please enjoy Ruthy Alon’s description of “Walk for Life”* (below), which she developed from Bones for Life®.

ARTICLE BY RUTHY!
 Ruthy Alon creates “Walk for Life”
Here is a sketch of her five day workshop June 2011

We will Learn to improve the movement function of a dynamic, lively, pleasurable, healthy walk.

  This 5 day workshop will include an indoor Movement Laboratory of simple yet sophisticated movement strategies that effect beneficial long-term change in movement, strength, posture, flexibility and sense of well-being. It will also include walking in nature with the use of Walking Poles, leading you to adopt natural walking for health and pleasure in your daily life.

What you do today will be easier to do tomorrow.
What you don’t do today will be more difficult tomorrow.

Everyone knows that Walking equals Health. Quality walking is both a measure and indication of fitness, and a lever for enhanced, free and easy walking. To find quality walking, we go beyond popular suggestions, fashions and opinions and look for the model of objective criteria in nature itself. Primal man’s way of walking and running was a primary survival requirement. Any concession in the efficiency of this basic pattern was life threatening. Any fault meant risk, and as we are here today means that primal walking has been sifted by natural selection to perfection. Our model for quality walking is derived from evolutionary movement coordination. Improving elements of the complex formula of the primal model is bound to improve walking quality in civilized man.

Formula Elements of the Pre-Cultural Walking

Coordination: Ultimate commitment to harmonious cooperation between all body parts. In dynamic movement, arms, legs, spine, pelvis and head are constantly changing proportions with each fraction of movement in time and space. Adjusting this coordination is not in the domain of cognitive thinking. The exclusive contribution of the WFL program is in its strategies to engage the organic subconscious to correct itself.

Propulsion: The alternating shift of weight from one leg to the other in walking undulates 
rhythmically in a forward backward wave pattern, smoothly in-curving and out-curving. This 
generates propulsion.
Impact: Each walking step is loading the body with an impact of one’s own weight, striking onto the ground, which is producing a rebounding elastic force upward. This force outsmarts gravity and allows for auto-locomotion.

Alignment: The skeleton is incessantly re-organizing itself in a streamlined alignment, which allows for consistent transmission of the two way force; the body mass bearing down, as well as the springy reaction up, streaming from end to end, without loss, deviation, or compression, in a domino-effect quality.
Pace: The walking pace is consistent, avoiding any fragmentation or clash with inertia, smoothing out confrontations with variant surfaces.

How would you subjectively identify a natural walk in your own experience?
When you are not imposing an authoritative standard on your body, but rather reveal to it its primal potential for natural walking, you will sense the ease and spontaneity of movement, as well as feeling the pleasure of moving. Trusting that your body is willing to move of its own free choice, the urge to move becomes something you love to do and will love to do again tomorrow.
How can natural walking be re-learned in an Autonomous Process
and be harnessed to support your greater sense of personal ecology?
There is no pill for posture, you have to do it yourself.

Designed to take care of individual functional failures, the program creates a learning environment where a “safety first” approach allows participants to gradually practice dynamic patterns of movement. A variety of strategies are used to mitigate damage to vulnerable joints and to develop a reliable axis of posture while performing dynamic anti-gravity movements.

The program also introduces selective corrections to counter productive habits, which the body does not know how to create by itself. All changes are tested and confirmed in actual movement within harmonious correspondence between all body parts.

Walk for Life makes use of 2 essential props:

The Wrap, 7 meters of fabric used to bind, bolster and support a reliable axis of posture while
walking. The wrap avoids deviation of the force in dynamic, anti-gravity, stamina-building movements..

Walking Poles, used not only as support for equilibrium, but also to revive the arm’s primal
function, like the front legs of quarupeds, of producing an impact of pressure on the ground, gaining the counter force which thrusts the shoulder blade backward to the spine, restoring flexibility in the most stiff and non negotiable area of the upper back. The poles also increase vitality in walking, as the non-habitual
i nteraction of the arms with the ground, through extension with the poles, works to empower the ballistic
 factor of propulsion.

In our learning laboratory and while walking in nature we will:

* Organize all parts of the body to accept an anatomically correct disposition of the hip joints, 
so the mobilizing force can transmit through the joints without upsetting their safety.

* Train to protect the lumbar vertebrae at the moment of impact in walking, when most of the
body mass is focused on one foot.



* Post the head on top of the spine, in the most sensible disposition, from which the neck can 
turn the periscope of senses in any direction with the same ease.

* Put a spring in your step to guarantee the spontaneous shock-absorbing task of the knees
for smooth, free walking.

* Challenge subconscious resourcefulness to the commitment of maintaining stable vertical posture, in order to prevent falls, as well as building confidence in training to fall without injury, inspiring biological optimism.



* Explore a variety of self-mobilization patterns to encourage a combinatory approach toward adjusting organic complex coordination and optimal moving efficiency.



* Facial expression is part of the complex walking pattern. The expression you put on your face, while engaging in demanding tasks that involve your total body, is the expression that will strongly tend to be registered and adopted by you as a habit.

CREDITS
* Foundation for Movement Intelligence (FMI) is the umbrella organization for the teachings of Ruthy Alon.  The four programmes which comprise FMI are: Chairs, Walk for Life, Mindful Eating, and Bones for Life®.  Bones for Life® is a registered trademark of Ruthy Alon.

L’ARTICOLO DI RUTHY!
Ruthy Alon crea “Walk for Life”. Qui trovate una breve descrizione
del suo workshop di cinque giorni tenuto nel giugno 2011

Impareremo a migliorare le funzioni motorie che rendono una camminata dinamica, vivace, salutare e godibile. Questo workshop della durata di cinque giorni comprende un Laboratorio di Movimento al chiuso finalizzato allo sviluppo di strategie motorie capaci di produrre un cambiamento benefico e di lunga durata nel modo di muoversi, nella postura, nella flessibilità e robustezza del corpo così come nel senso generale di benessere. Include anche passeggiate nella natura con l’uso di bastoncini da trekking; queste vi aiuteranno ad adottare nella vita quotidiana la camminata naturale per conservare la salute e per puro piacere. 

Ciò che fate oggi sarà più facile da fare domani. Ciò che non fate oggi sarà più difficile domani.

Tutti sanno che camminare equivale a mantenersi in salute. Una camminata di qualità non solo è un’indicazione e una misura del proprio livello di fitness, ma contribuisce anche a sviluppare una camminata potenziata, libera e agevole. Per raggiungere una camminata di qualità andiamo oltre ai suggerimenti, alle opinioni e alle tendenze attualmente in voga e prendiamo invece a modello di criterio oggettivo la natura stessa. Il modo di camminare e correre dell’uomo primitivo era un requisito primario per la sopravvivenza. Qualsiasi concessione all’efficienza di questo pattern di base poteva mettere la vita in pericolo. Qualsiasi errore comportava un rischio, e visto che noi oggi siamo qui significa che il modo di camminare primordiale è stato affinato dalla selezione naturale fino a raggiungere un grado di perfezione. Il nostro modello per una camminata di qualità deriva da una coordinazione evolutiva dei movimenti. Migliorando gli elementi della complessa formula sviluppata dal modello primitivo saremo in grado di migliorare la qualità della camminata nell’uomo civilizzato.

Gli elementi nella formula della camminata pre-culturale 

Coordinazione: massimo impegno per una cooperazione armoniosa fra tutte le parti del corpo. Nel movimento dinamico, le braccia, le gambe, la colonna vertebrale,  il bacino e la testa cambiano costantemente il loro modo di rapportarsi ad ogni minima variazione nel tempo e nello spazio. Regolare questo tipo di coordinazione motoria non rientra nel dominio del pensiero cognitivo. Il contributo esclusivo del programma WFL riguarda le strategie per stimolare il subconscio organico a correggersi.  

Propulsione: Lo spostamento alternato del peso da una gamba all’altra durante la camminata segue il pattern di un ondeggiamento ritmico avanti e indietro. Ciò genera la propulsione.
Impatto: durante la camminata, a ogni passo il corpo subisce l’impatto del proprio peso contro il terreno, il che produce a sua volta la forza elastica di un rimbalzo verso l’alto. Questa forza vince la forza di gravità e consente l’auto-locomozione.

Allineamento: Lo scheletro si riorganizza incessantemente attraverso un allineamento dinamico, cosa che consente la trasmissione uniforme della forza nelle due diverse direzioni: la massa corporea spinge verso il basso e la reazione a molla spinge verso l’alto, in un movimento fluido da un’estremità all’altra, senza danni, deviazioni o compressioni, in una reazione a catena lineare simile all’effetto domino. Ritmo: il ritmo della camminata è uniforme, evitando le interruzioni o i conflitti dovuti all’inerzia e al contempo smussando l’impatto con superfici variabili.

In che modo identifichereste in maniera soggettiva una camminata naturale secondo la vostra esperienza personale? 
Se non imponete una modalità standard di essere al vostro corpo, ma al contrario rivelate ad esso il potenziale primordiale di una camminata naturale, proverete la facilità e la spontaneità del movimento, oltre al piacere di muovervi. Confidando nel fatto che il corpo è disposto a muoversi per sua libera scelta, la voglia di muoversi diventa qualcosa che amate fare e che amerete fare anche in futuro. Come possiamo reimparare a camminare in modo naturale secondo un processo autonomo e sfruttare quanto appreso per sviluppare una maggiore ecologia personale? Non ci sono ricette prestabilite per la postura, dovete trovare da soli la vostra.

Progettato per risolvere le carenze funzionali a livello individuale, il programma crea un ambiente di apprendimento in cui un approccio che privilegia “la sicurezza prima di tutto” consente ai partecipanti di sperimentare in maniera graduale modelli dinamici di movimento.  Attraverso l’esecuzione di movimenti dinamici anti-gravità vengono implementate una serie di strategie per alleviare  i danni alle giunture vulnerabili e per raggiungere un asse affidabile nella postura.

Il programma introduce anche correzioni selettive per sviluppare abitudini produttive, che il corpo non sa come creare da sé. Tutti i cambiamenti vengono testati e  confermati attraverso il movimento effettivo e all’interno di una corrispondenza armoniosa tra tutte le parti del corpo.

Il programma “Walk for Life” (Camminata per la vita) utilizza due strumenti fondamentali:

La fascia: una benda di tessuto lunga 7 metri di tessuto usata per legare, rafforzare e sostenere un asse affidabile durante la camminata. La fascia evita la deviazione della dinamica quando si eseguono movimenti dinamici e anti-gravità che sviluppano resistenza fisica. 

Bastoncini da trekking: utilizzati non solo come sostegni per mantenere l’equilibrio ma anche per recuperare la funzione primordiale del braccio, che è quella di creare un impatto – come nel caso delle zampe anteriori nei quadrupedi – facendo pressione sul suolo e in questo modo produrre una forza contraria che spinge la scapola indietro verso la colonna vertebrale. In questo modo si ripristina la flessibilità nella parte alta, più rigida e difficilmente trattabile, della schiena. I bastoncini incrementano anche la vivacità della camminata, considerato che l’interazione non abituale  delle braccia con il suolo, attraverso l’estensione consentita dai bastoncini, contribuisce a potenziare il fattore balistico della propulsione.

Nel nostro laboratorio di apprendimento e durante le camminate nella natura:

* Organizzeremo tutte le parti del corpo in modo che accettino un posizionamento anatomicamente corretto delle articolazioni dell’anca, in modo che la forza mobilitante venga trasmessa attraverso le giunture senza pregiudicarne la sicurezza.

* Ci alleneremo per proteggere le vertebre lombari al momento dell’impatto durante la camminata, quando la maggior parte della massa corporea preme su un solo piede.

* Porremo la testa in cima alla spina dorsale, nella posizione più adatta perché il collo possa ruotare con la stessa facilità e in ogni direzione il periscopio dei sensi.

* Inseriremo una molla nei vostri passi per garantire il lavoro spontaneo di ammortizzazione dell’impatto compiuto dalle ginocchia e facilitare una camminata libera e sciolta.

* Sfideremo le risorse del subconscio per impegnarlo a mantenere una postura stabile verticale, in modo da prevenire cadute e al contempo creare fiducia, ispirando ottimismo biologico, quando ci si esercita a cadere senza farsi male.

* Esploreremo una serie di tecniche di auto-mobilitazione per incoraggiare un approccio combinatorio nella regolazione della complessa coordinazione organica dell’efficienza ottimale del movimento.

* Lavoreremo sull’espressione facciale, parte del complesso pattern della camminata. L’espressione facciale che adottate mentre siete impegnati in compiti esigenti che coinvolgono l’intero corpo è l’espressione che tende a essere da voi fermamente registrata e adottata d’abitudine.

CREDITI
* La Foundation for Movement Intelligence (FMI) è l’organizzazione per l’insegnamento delle tecniche ideate da Ruthy Alon.  I quattro programmi che costituiscono la FMI sono: Chairs, Walk for Life, Mindful Eating, e Bones for Life®.  Bones for Life® è un marchio registrato.

Grazie a entrambe per la vostra partecipazione a questo piccolo ma splendido corso. Il 6 maggio abbiamo messo a punto le sequenze per i tre “Processi”. Qui troverete qualche breve annotazione al riguardo.

# 3 Alzarsi dalla sedia:

– Ci siamo esercitate in molte varianti, facendo scorrere le mani lungo le diagonali (in modalità controlaterale) 

– Lo scopo è quello di apportare un buon equilibrio e sufficiente sostegno nel movimento quando ci si mette in piedi o ci si alza da una sedia

– Ci accorgiamo allora come le mani siano fra loro parallele una volta che siamo in piedi

– E come le nostre mani parallele (o quasi) davanti alle cosce ci abbiano aiutato  a tornare in posizione seduta.

# 4 Modalità onda e modalità asse:

– Ci siamo cimentati nel formare un asse incrociando un ginocchio sopra l’altro,   

  premendo sulla sedia in modo che il corpo si sollevi lungo il proprio asse

– Abbiamo trovato un modo divertente di afferrare la stoffa dei pantaloni per sollevare la gamba superiore in alto e spostarla sopra l’altra gamba!

# 5 Tamburellamento abilitante:

– Valentina ha apportato una deliziosa variazione al nostro esercizio di tamburellamento, con un tocco delicato e leggero quanto quello di una piuma  lungo la parte esterna del braccio!

– poi abbiamo trovato modi di tamburellare con gentilezza ogni parte della testa e delle costole.

– abbiamo posto l’attenzione su alcune ossa studiando Windy, lo scheletro seduto sulla sedia nello studio

 Avete lavorato con me sui  “Processi” dal numero 1 al numero 6. Procediamo con gradualità, trovando un perfetto equilibrio tra pratica e discussione. Durante le prossime settimane sarebbero utili un ripasso e un affinamento dei processi 1-6 prima di passare alla prossima serie, quando ognuna di voi si sentirà pronta. Se a un certo punto (o di tanto in tanto) desideraste una seconda lezione in aggiunta a quella del martedì alle 13:00 (orario del Pacifico), forse potremmo aggiungerne una il venerdì alle 13:00 (orario del Pacifico)/ 8:00pm (ora italiana).

Divertitevi a esercitarvi con il tamburellamento e con le altre lezioni sulla sedia in cui vi sentite a vostro agio! Ecco i titoli per  i ‘ Processi ‘ 1-6 . Forse i titoli vi faranno sorridere.

1.     Pestare i piedi
L’impatto rigenera il tessuto osseo e stimola la circolazione
2.     Rimbalzare sui talloni
Allineare la postura con pulsioni dinamiche
3.     Alzarsi dalla sedia
Sfruttare l’effetto contrappeso
4.     Modalità onda e modalità asse
Strategie di superamento della gravità per l’auto-mobilizzazione.
Mobilizzazione del corpo secondo la modalità onda.
5.     Tamburellamento abilitante
Funzione di supporto nella determinazione della postura.
Tamburellamento del cranio
6.     Camminata con il bacino
Rchiamare l’energia dal centro

Grazie, a presto,
Katarina

CHAIRS PROCESSES 1-30  TITLES IN ENGLISH

1. Stamping the Feet
Impact builds bone & stimulates circulation

2. Bouncing on the Heels (BOH)
Aligning posture in dynamic pulsations

3. Standing up from a Chair
Counterweight leverage

4. Wave and Axis
The outsmarting gravity strategies for self mobilization
Mobilization of the body in the wave pattern

5. Empowering Tapping
Stimulating determination of posture
Head taps

6. Sit Bones Walk
Recruiting the power from the core

7. Pelvis Down, Shoulder Blades Up
Releasing length of spine
Pulling cork out of a bottle

8. Leaving the Back of the Chair
Graceful transition

9. Feet, applied Evolution
The flexible ankles of quadrupeds

10. Wrap “A”
A loan of upright posture

11. Freeing the Chest
Differentiating the stiff zone

12. Transmission in Sitting with Foot on the Wall
Homo Lateral/Contra Lateral Algorithm

13. Roman Sandals
The zero balance point in the foot

14. Spiraling In and Out of a Chair
The wisdom of gradual challenge in consistent pace

15. Cycling Hip Off a Chair
Aligning the hip joint

16. Three Dimensions of Pressure
Loading the body with strength

17. Sphincters Network
 The inter-corresponding anti-gravity lever for upright posture

18. Morning Towel
Reaching the unreachable parts

19. Long Back / Short Back
The choice of self organization

20. Wrap B
Additional external spine

21. Bouncing in Sitting
Empowering posture from the base

22. Decompressing the Lumbar Spine Behind
Through shortening the front

25. Weights on Ankles
Spontaneous stability

23. Aligning the Neck
Through resistance

24. Water Carriers
The ultimate weight bearing posture

25. Weights on Ankles
Spontaneous stability

26. Lifting Weights
Safety first

27. Releasing the Jaw
Through the pelvis

28 The Roots of the Neck
Articulating the upper back

29. The Fall onto the Wall
The power of the streamlined wave

30. Wrap “C”
Adding double spines

“PROCESSI” DAL NUMERO 1 AL NUMERO 30

1. Pestare i piedi
L’impatto rigenera il tessuto osseo e stimola la circolazione

2. Rimbalzare sui talloni
Allineare la postura con pulsioni dinamiche

3. Alzarsi dalla sedia
Sfruttare l’effetto contrappeso

4. Modalità onda e modalità asse
Strategie di superamento della gravità per l’auto-mobilizzazione.
Mobilizzazione del corpo secondo la modalità onda.

5. Tamburellamento abilitante
Funzione di supporto nella determinazione della postura.
Tamburellamento del cranio

6. Camminata con il bacino
Rchiamare l’energia dal centro

7. Abbassare la pelvi, alzare le scapole
Allungare la spina dorsale
Estrarre il turacciolo dalla bottiglia

8. Staccarsi dallo schienale della sedia
Una transizione dolce

9. I Piedi, Evoluzione applicata
Le caviglie flessibili dei quadrupedi

10. Fascia ‘A’
Agevolare la posizione eretta

11. Liberare il Torace
Differenziare le zone di rigidità

12. La trasmissione da seduti con il piede contro il muro
L’algoritmo homo laterale/controlaterale

13. I sandali romani
Il punto di equilibrio neutro nel piede

14. Entrare e uscire in torsione dalla sedia
Il valore di uno sforzo graduale a intensità costante

15. Pedalare con l’anca fuori da una sedia
Allineare la giuntura dell’anca

16. Tre modalità di pressione
Rinforzare il corpo

17. La rete degli sfinteri
L’effetto leva interdipendente anti-gravità per la posizione eretta

18. La salvietta mattutina
Raggiungere le parti che non si riescono a raggiungere

19. Allungare e accorciare la schiena
La possibilità della libera scelta

20. Fascia ‘B’
Una seconda spina dorsale ‘esterna’

21. Rimbalzare da seduti
Rinforzare la postura dalla base

22. Decomprimere la spina dorsale lombare dietro
Accorciando quella davanti

23. Mettere il collo in allineamento
Creando resistenza

24. Le portatrici d’acqua
La postura perfetta per portare un peso

25. Pesi sulle caviglie
Stabilità spontanea

26. Sollevare pesi
Prudenza innanzitutto

27. Rilasciare la mandibola
Attraverso la pelvi

28. Le radici del collo
Sciogliere la parte alta della schiena

29. La caduta contro il muro
L’energia di un’onda convergente

30. Fascia ‘C’
Aggiungere spine dorsali ‘doppie’

Happy Learning

As the classes progress over several weeks, months, and years, I notice what my students like to do best, what they do well, building on their strengths until they feel confident with a few movements. Each student refines the weaker parts of his/her practice through an organic process which can be experienced as “happy learning “.

Class Locations and Dates

Movement Intelligence Chairs

A Class Developed for You
~ Participate once or twice
~ or join us for the complete certification programme
__________________________________________

* The Movement Intelligence Chairs programme is comprised of 60  ‘Processes’:

Click for Titles in English and Titles in Italian.

SCHEDULE:

Movement Intelligence Chairs
 (60 Processes ~ 20 weeks July-Nov 2018
 ~ 3 Processes per week
plus two dates for Didactic)
Fridays 1-3pm PT  (Saturdays 6-8am in Australia)
Please indicate your participation:
https://doodle.com/poll/9hy5a85yuk6fdpya
JULY 6, 13, 20, 27,
AUGUST  3, 10, 17, 24, 31 ,
SEPT 7, 14, 21, 28,
OCT 5, 12, 19, 26,
NOV 2, 9, 16, 23, 30, 2018
Total 22 weeks
(20 weeks classes 3 Processes each class & two weeks Didactic for those on the certification track)

Registration & Fees

Tuition fee includes hard copy manual and student membership in
Foundation for Movement  Intelligence (FMI)

REGISTRATION & QUESTIONS

MORE INFORMATION:
studio@thinkinginmovement.ca ~ 604-263-9123

Registration / Fees

Tuition fee includes hard copy manual and student membership in
Foundation for Movement  Intelligence (FMI)

REGISTRATION

MORE INFORMATION:
studio@thinkinginmovement.ca ~ 604-263-9123

Contribution to the Studio:
Please consider supporting our studio with a contribution
$85-$120-$200 Quarterly Jan-Mar, Apr-June, July-Sept, Oct-Dec (or what you can afford).
Contributions may be sent by Pay Pal to studio@thinkinginmovement.ca
or ask us (email) for mailing address. 

For Individual Functional Integration® Lessons: please discuss with Katarina or Cate

REGISTRATION & QUESTIONS

Rising from a Chair

Page Credits

Much of the information on this page is taken directly from Ruthy Alon’s beautiful site here. Movement Intelligence, Bones for Life®, Walk for Life, Chairs, Mindful Eating, Solutions for Optimal Mobility are terms developed by Ruthy and we at the Studio consider them trademarked and proprietary. We use them with gratitude.